Come i genitori di giovani con problemi mentali trovano aiuto

TAGES ANZEIGER, 18.01.2023, Kedves 

Molti adolescenti in Svizzera hanno problemi di salute mentale. Quali possono essere i segnali d’allarme e dove trovare sostegno

Il fatto che la salute mentale sia una delle principali preoccupazioni per le generazioni in crescita non è un fatto noto solo da quando la pandemia ha portato la psichiatria infantile e adolescenziale sull’orlo del baratro. Infatti, secondo alcuni studi, la maggior parte delle malattie mentali compare prima dei 25 anni. 

Le cifre 

L’Ufficio federale della sanità pubblica stima che il 10-20% dei bambini e degli adolescenti è a rischio di sviluppare problemi di salute e sociali come dipendenze, violenza o stress mentale. Tra i disturbi più comuni vi sono i disturbi d’ansia (compresa l’ansia sociale), i disturbi depressivi e anche i cosiddetti disturbi dissociali, in cui le norme vengono disattese e i diritti degli altri violati. 

In un’indagine dell’Unicef sulla salute mentale dei giovani svizzeri di età compresa tra i 14 e i 19 anni, ben il 37% ha segnalato problemi nel 2021. Il 17% dei giovani con segni di disturbi d’ansia e/o depressione ha già tentato il suicidio, la metà di loro anche più volte. Quasi il 30% di tutti gli intervistati ha dichiarato di non aver parlato con nessuno dei propri problemi. Solo il 3% si è rivolto a professionisti. 

Quali sono i segnali di allarme? 

È ancora più importante che i genitori riconoscano quando i loro figli hanno bisogno di sostegno. La Fondazione Pro Juventute – secondo i cui studi circa un terzo dei bambini è sottoposto a forte stress – indica sintomi quali svogliatezza prolungata, mancanza di concentrazione, spossatezza o perdita di appetito come possibili indizi di depressione, che non vanno presi alla leggera. Analogamente, la Fondazione Pro Mente Sana elenca segnali di allarme come cambiamenti improvvisi, apparentemente senza causa e di lunga durata nel comportamento, come il ritiro sociale e l’abbandono degli hobby, sintomi fisici cronici come mal di stomaco o mal di testa, assenze da scuola o dal lavoro. 

Come reagiscono i genitori? 

Ascoltare e mostrare empatia sono le cose più importanti da fare in una conversazione, sottolinea Pro Mente Sana sul suo sito web. Dare rapidamente semplici consigli o paragonare la situazione della persona interessata con i problemi di altre persone spesso si rivela inutile. 

Pro Juventute elenca quattro consigli importanti per affrontare un bambino depresso. 1. mantenere sempre aperte le linee di comunicazione ed esercitarsi a parlare dei sentimenti, 2. mostrare comprensione per le paure e il dolore del bambino, offrendo anche un aiuto concreto, 3. mantenere il più possibile le abitudini quotidiane per il bambino, 4. organizzare un aiuto esterno al più tardi dopo due settimane di umore depresso.

 

Per quanto riguarda i disturbi alimentari, Pro Juventute e Zeta Movement, un’associazione di e per i giovani che mira a “rompere il ciclo di stigmatizzazione e silenzio associato alla malattia mentale in Svizzera”, sottolineano la funzione di modello dei genitori: dare l’esempio di un rapporto sano con il cibo e lo sport e non far dipendere la propria autostima dalle apparenze è fondamentale e contribuisce a infondere un’immagine corporea sana. Inoltre consigliano: “Incoraggiate vostro figlio a cercare aiuto se mostra un comportamento alimentare disordinato. Potete aiutarlo a trovare i professionisti più adatti”. 

Infine, ma non meno importante, l’autolesionismo è un problema. Zeta Movement e Pro Juventute descrivono forti sbalzi d’umore nelle persone colpite, che spesso non sono facili da classificare per i familiari. Essere presenti per il bambino è anche in questo caso la pietra angolare del sostegno dei genitori. Dare un nome ai sentimenti e mostrare comprensione è una delle strategie più importanti nella conversazione. In una conversazione non offensiva, si può cercare di affrontare con il bambino altri metodi di regolazione delle emozioni. Se necessario, le ferite devono essere trattate con calma. La possibilità di cercare un aiuto professionale deve essere mantenuta aperta. 

Come agire in modo preventivo? 

Secondo Pro Juventute, la risorsa più importante per affrontare i momenti di difficoltà emotiva è la resilienza. Essa si basa su un legame sicuro, sulla sensazione di autoefficacia e sulla competenza sociale. Per costruire questo aspetto nel bambino, è essenziale coltivare un rapporto di fiducia con lui e allo stesso tempo incoraggiare il coraggio di essere indipendente. 

Non è necessario eliminare subito ogni difficoltà: se si lascia che i bambini trovino le proprie soluzioni, si rafforza il loro senso di autoefficacia e la loro gioia per il successo. L’attenzione non deve essere rivolta al risultato di un’azione, ma all’azione stessa, alla volontà di affrontare qualcosa di nuovo. Una cultura in cui gli errori non sono vissuti come la fine del mondo, ma come un’opportunità di miglioramento, ha un effetto positivo. Inoltre, anche i sentimenti negativi come la frustrazione dovrebbero trovare spazio. 

Per la prevenzione, l’associazione Movimento Zeta si basa sullo scambio con i coetanei che raccontano le proprie esperienze con la malattia: L’impatto è spesso maggiore. L’associazione, che collabora con vari esperti come psichiatri infantili e giovanili, si riferisce a questo come “narrazione tra pari”. 

Nel frattempo, esiste una tribù di ambasciatori Zeta che incontra “le giovani generazioni nelle scuole, nei gruppi scout, nei gruppi giovanili, nei club sportivi e in qualsiasi altro ambiente giovanile”. Insieme a Pro Juventute, l’associazione ha creato a questo scopo alcuni mesi fa dei video di storytelling Tiktok. 

Anja, ad esempio, descrive al giovane pubblico come ha imparato a gestire il suo disturbo borderline di personalità e le sue autolesioni. Ripercorre il suo viaggio dal vuoto crescente a 15 anni, all’odio per se stessa e all’autolesionismo a 16 anni, attraverso le montagne russe emotive nonostante le terapie, l’auto-ammissione in psichiatria a 18 anni, fino alla graduale autogestione, che è in qualche modo migliorata a 24 anni. Ci si può togliere il cappello davanti a lei.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

“Genitori, rilassatevi!”

NZZ Am Sonntag, 28.04.2024, Althaus La «NZZ am Sonntag» si occupa di genitorialità e di temi che polarizzano gli animi, discutendone con il pediatra Oskar

Parliamo di violenza nell’educazione

CONTRIBUTO DEGLI OSPITI, TAGES ANZEIGER, 26/04/2024.Serafina Schelker: “I genitori vogliono il meglio per i loro figli. Ma persistono idee obsolete sulla genitorialità che banalizzano i

Torna in alto