‘I docenti sono contrari al tedesco in prima media’

Cantone, LA REGIONE, 09.03.2023, Agosta 

Il sindacato VPOD ha realizzato un sondaggio e avverte: «I docenti sono contrari al tedesco in prima media». 

Lo sostiene il sindacato Vpod, che ha realizzato un sondaggio. ‘Si andrebbe a sovraccaricare i ragazzi in un anno scolastico già difficile’. Il tema sarà in parlamento lunedì. 

Anticipare l’insegnamento in prima media non sarebbe una decisione presa in favore degli allievi. Lo pensa il 60% dei docenti interpellati dal sindacato Vpod, che si è detto contrario all’introduzione di due ore di tedesco per i ragazzi al primo anno di scuola media. Il tema sarà sui banchi del Gran Consiglio nella sessione al via lunedì, quando verrà appunto discussa la proposta lanciata nel 2017 dai Giovani liberali radicali. «Questo cambiamento creerebbe difficoltà considerevoli agli allievi più deboli e comporterebbe un sovraccarico della griglia oraria, a meno di sacrificare altre materie. Ma questo andrebbe a impoverire l’offerta culturale», spiega alla ‘Regione’ Adriano Merlini, presidente dei docenti Vpod: «la prima media per gli allievi è già un anno complesso di transizione dalla scuola comunale a quella media. I ragazzi passano da avere un solo docente come figura di riferimento ad averne una decina. È un cambio di paradigma notevole». Il tedesco, prosegue Merlini, «è poi una lingua molto complessa, come riconoscono anche gli esperti della materia. Ha un costrutto totalmente diverso dall’italiano». 

‘Interrogati tutti, non solo gli affiliati’ 

Al sondaggio hanno partecipato 912 docenti, su circa 6mila. Di questi quasi il 40% sono docenti di scuola media, e il 9% di tedesco. «Abbiamo consultato tutti i docenti, proprio perché all’interno del comitato Vpod le idee erano parecchio chiare. Volevamo avere la sicurezza che l’opinione di un gruppo ristretto di docenti fosse condivisa anche dalla base. Per questo abbiamo fatto il questionario». E la risposta, sottolinea il presidente dei docenti Vpod, «è stata buona. Ovviamente non possiamo obbligare tutti a dirci come la pensano. Ma il campione può essere sicuramente rappresentativo». Il formulario – ha puntualizzato il sindacato – non è stato recapitato solo agli affiliati, ma anche a tutti gli altri docenti attivi in Ticino. 

‘Si è ingolfato il mondo della scuola’ 

«Il tedesco sarebbe da potenziare, ma attraverso un ripensamento dell’insieme della scuola dell’obbligo. In particolare per quanto riguarda le lingue straniere». Insomma, un rinnovamento profondo rispetto alle attuali linee guida. «Bisogna pensare a cosa la scuola dell’obbligo si vuole che faccia con i ragazzi. Stabilire delle priorità e poi una griglia oraria», afferma Merlini. E non manca la critica alla classe politica: «Negli ultimi anni il mondo della politica è andato a ingolfare e caricare sempre di più i programmi scolastici. Aggiungendo e sovraccaricando d’impegni e stress i ragazzi». Sul caso specifico dell’introduzione di due ore di tedesco in prima media il rimprovero dei docenti Vpod è rivolto alla Commissione scolastica del Gran Consiglio. «Ci è dispiaciuto non essere stati consultati. Ma purtroppo non è una novità. I docenti passano spesso per dei noiosi che si lamentano e basta, ma la nostra è una rivendicazione che abbiamo da anni. Sul superamento dei livelli siamo stati sentiti, ora no. Peccato». A questo si aggiunge, secondo Merlini, il fatto che «negli ultimi anni il mondo della politica è andato a ingolfare e caricare sempre di più i programmi scolastici. Aggiungendo e sovraccaricando d’impegni e stress i ragazzi». 

Guerra: ‘La scelta è politica, in democrazia funziona così’ 

Sulla proposta la Commissione scolastica si è divisa, con la mozione che arriverà in parlamento accompagnata da due rapporti. «Una delle prime cose di cui ci siamo premurati in Commissione è stata quella di sentire i vertici del mondo scolastico, passando dal Dipartimento educazione cultura e sport, che comunque si è sempre dichiarato contrario a queste proposte» afferma Michele Guerra 

(Lega), relatore del rapporto di maggioranza insieme a Diana Tenconi (Plr), respingendo così la critica di non aver coinvolto il mondo della scuola. «Al netto delle audizioni, servite comunque a ottenere spunti utili, abbiamo però ritenuto fondamentale anticipare il tedesco». E quindi la precisazione del deputato leghista: «La scelta è politica. E in democrazia funziona così». La minoranza della Commissione è invece “parzialmente d’accordo”, si legge nel rapporto di Maddalena Ermotti-Lepori (Centro) e Anna Biscossa (Ps). “Condividiamo il potenziamento del tedesco nelle scuole dell’obbligo ma respingiamo l’anticipo del suo insegnamento”. 

.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

Il nostro non è un Paese per studenti

L’opinione, CORRIERE DEL TICINO, 11.04.2024, Caruso Roberto Caruso: «Di certo non saranno «solo» due giorni di scuola in meno a produrre sfaceli evolutivi per la

Aboliscono i voti degli esami

TAGES ANZEIGER, 10.04.2024, Fargahi Le critiche ai voti scolastici si fanno sempre più forti. Ora Lucerna è la prima grande città a eliminare i voti

Il disagio della lettura è in aumento

NZZ, 05.04.2024, Bossard Carl Bossard: “Abbiamo bisogno di un rinascimento della lettura, di un rinascimento dell’insegnamento della lettura, nella sua essenza del curriculum, con lezioni

I bisogni speciali esplodono negli asili nido

Ginevra scuola, LE TEMPS, 04.04.2024, Il numero crescente di bambini con esigenze speciali sta complicando il lavoro dei professionisti dell’infanzia, che lanciano l’allarme, in un

Torna in alto