I genitori sanno troppo poco della psiche dei loro figli

OPINIONE E DIBATTITO, NEUE ZUERCHER ZEITUNG, 12.06.2023

Eveline Geiser: “Il modo in cui i bambini crescono e vengono educati nella nostra società riguarda tutti noi. Dobbiamo mettere i genitori in condizione di occuparsi meglio delle loro responsabilità educative”.

Un'”infanzia difficile”. Questa espressione viene spesso usata quando qualcuno non riesce a stare in piedi da solo in età adulta. Si intende un’infanzia segnata dalla violenza, dall’abbandono o dall’umiliazione. Allo stesso tempo, persiste il credo: l’educazione è una questione privata.

È indiscutibile che la responsabilità dell’educazione spetti ai genitori o ai tutori. Ma l’intera società deve sostenere la prossima generazione a crescere in modo sano. Questo è uno dei motivi per cui il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno deciso, nel dicembre 2022, di inserire nel Codice civile svizzero il diritto del bambino a un’educazione non violenta.

 La maggior parte dei genitori concorda su una cosa: vogliono essere buoni genitori per i loro figli. È per questo che apprezzano quando la scuola li informa sulla necessità di lavarsi i denti o quando il pediatra ha opuscoli sull’alimentazione sana. È più sorprendente che non si parli quasi mai del sano sviluppo mentale del bambino.

 La Commissione federale per l’infanzia e la gioventù chiede ulteriori misure: Prevenzione. I genitori dei bambini piccoli, in particolare, dovrebbero essere istruiti su cosa sia la violenza contro i bambini e perché danneggi lo sviluppo del bambino. Perché gli esperti sono d’accordo. Un approccio non violento e di rispetto da parte dei genitori nella quotidianità genitoriale non è una garanzia, ma è un fattore protettivo per un sano sviluppo psicologico del bambino.

Ricerca senza ideologia

 Ma mentre la prevenzione in campo medico è socialmente accettata, abbiamo difficoltà in campo educativo-psicologico. Lo Stato è molto restio a parlare di educazione. Ci sono storie orribili di sistemi totalitari in cui la popolazione viene indottrinata ideologicamente fin dalla più tenera età. Come società, non vogliamo interferire troppo in questioni apparentemente private. Questi timori non sono molto realistici in una democrazia funzionante come la nostra. Soprattutto, però, si trascura il fatto che la psicologia e la scienza dell’educazione sono fondamentalmente diverse oggi rispetto a 50 anni fa. Sono finiti i tempi in cui le affermazioni degli esperti in campo educativo e spesso psicologico si basavano su speculazioni su una presunta “buona” educazione.

 Dalla metà del secolo scorso, la psicologia, e quindi anche la pedagogia, è diventata una scienza che ricerca empiricamente le connessioni tra il comportamento educativo e la salute mentale. Sulla base di queste ricerche, gli psicologi comprendono anche le capacità e lo sviluppo dei bambini in base all’età.

Scelte informate

 Una genitorialità che tenga conto dei bisogni legati all’età del bambino gli dà sicurezza e rafforza la sua psiche. Oggi lo sappiamo. Questo perché aiuta il bambino a sviluppare una sana fiducia in se stesso e una competenza emotiva. Al contrario, un’educazione autoritaria può danneggiare il bambino. Questo perché trascura i bisogni e i sentimenti del bambino e va di pari passo con la violenza psicologica. Le affermazioni di cui sopra non sono opinioni speculative, ma si basano su risultati empirici, come la conoscenza della necessità di lavarsi i denti. Ciò giustifica la traduzione di queste conoscenze in misure preventive. Ciò che funziona nel lavaggio dei denti può funzionare anche nell’educazione.

Un documento di posizione della Commissione federale per l’infanzia e la gioventù (EKKJ) riassume cosa si intende per violenza psicologica. Secondo i ricercatori, questa comprende il ritiro dell’amore, le minacce di punizioni fisiche, l’umiliazione, lo spavento, l’imbarazzo, la trascuratezza e l’ignoranza. Questi comportamenti minacciano i bisogni esistenziali fondamentali del bambino e danneggiano la sua autostima. Ancora di più: dal punto di vista odierno, questi comportamenti non dovrebbero essere chiamati “educazione”. Sappiamo infatti che la violenza psicologica non solo è dannosa, ma non è nemmeno efficace. Se un bambino viene sgridato, ad esempio, entra in una sorta di “modalità di sopravvivenza” a causa del forte stress. L’apprendimento non è quindi possibile.

Questo aspetto è stato illustrato in modo impressionante da un recente studio condotto su oltre 1000 famiglie con bambini. Più spesso i bambini vengono sgridati, più è probabile che in seguito manifestino non solo sintomi depressivi, ma anche problemi comportamentali, ad esempio a scuola. I ricercatori dell’Università di Harvard hanno recentemente riportato i cambiamenti corrispondenti nella struttura cerebrale del bambino.

Secondo lo studio citato dall’EKKJ, la violenza psicologica contro i bambini è comune in Svizzera. “Più di due terzi dei genitori intervistati dichiarano di ricorrere a queste forme di punizione”, si legge. Ciò significa che un bambino su quattro è vittima di violenza psicologica. Anche i bambini di età inferiore ai 6 anni subiscono spesso violenze fisiche. Questo fatto giustifica da solo cambiamenti nella legge e misure preventive. Un altro risultato dello studio mostra come devono essere queste misure: a quanto pare, molti genitori non sanno di commettere violenza!

Solo chi sa cosa un bambino – e soprattutto un bambino piccolo – può capire e cosa no, può accompagnarlo con competenza nel suo sviluppo. In breve, le conoscenze psicologiche oggi disponibili devono raggiungere la società. Per i professionisti della cura della prima infanzia e per gli educatori che lavorano con bambini e adolescenti, queste conoscenze fanno parte della loro formazione. Anche il lavoro educativo dei genitori sarebbe migliorato da queste conoscenze.

Negli ultimi anni la ricerca sulla genitorialità e sulla salute mentale è stata portata avanti – per lo più con finanziamenti pubblici – nelle università e nei college. Ma a differenza delle nuove scoperte tecnologiche, i risultati sono molto più lenti ad essere diffusi nella società. Non ci sono quasi incentivi finanziari per questo. Sono necessari altri modi per diffondere queste conoscenze.

Una questione di rispetto

Una volta che le conoscenze della psicologia dello sviluppo hanno raggiunto gli educatori, le raccomandazioni per l’azione della psicologia dello sviluppo possono essere riassunte in una parola: Rispetto. Rispetto per i bisogni del bambino e rispetto del più forte per il più debole. Quasi nessuna gerarchia sociale è così pronunciata come lo squilibrio di potere tra genitori e figli. Il bambino è alla mercé dei genitori per anni. Trattare il più debole con rispetto non è una cosa ovvia, ma una conquista culturale – si impara.

Altre conoscenze culturali vengono trasmesse alla generazione successiva a scuola. Ogni bambino impara a leggere e a fare i conti. Ma le norme culturali vengono trasmesse anche attraverso i modelli di ruolo. Non sorprende quindi che uno stile di educazione spesso continui all’interno della famiglia. Il trattamento rispettoso dei bambini più deboli può essere visto come una sorta di alfabetizzazione sociale. Come società, non dovremmo avere paura di promuoverlo. Per lo stesso motivo per cui sottolineiamo l’importanza di lavarsi i denti. Perché i suoi benefici sono scientificamente provati.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

Il nostro non è un Paese per studenti

L’opinione, CORRIERE DEL TICINO, 11.04.2024, Caruso Roberto Caruso: «Di certo non saranno «solo» due giorni di scuola in meno a produrre sfaceli evolutivi per la

Aboliscono i voti degli esami

TAGES ANZEIGER, 10.04.2024, Fargahi Le critiche ai voti scolastici si fanno sempre più forti. Ora Lucerna è la prima grande città a eliminare i voti

Il disagio della lettura è in aumento

NZZ, 05.04.2024, Bossard Carl Bossard: “Abbiamo bisogno di un rinascimento della lettura, di un rinascimento dell’insegnamento della lettura, nella sua essenza del curriculum, con lezioni

I bisogni speciali esplodono negli asili nido

Ginevra scuola, LE TEMPS, 04.04.2024, Il numero crescente di bambini con esigenze speciali sta complicando il lavoro dei professionisti dell’infanzia, che lanciano l’allarme, in un

Torna in alto