“Immaginate come sarebbe stare nudi a scuola”.

ZURICH, TAGES ANZEIGER, 26.09.2023, Laglstorfer

Per la prima volta dal 2019, il numero di denunce per sesso con minorenni è aumentato nel cantone di Zurigo.

Sesso con minori e con animali: Video di questo tipo circolano in massa nella vastità di internet – e vengono visti anche dai giovani. Un quattordicenne del cantone di Zurigo ha inoltrato tali video agli amici, come ha reso noto ieri la Procura della Gioventù di Zurigo. Due giorni dopo, ha riunito i singoli video in un piccolo filmato e lo ha inviato tramite Snapchat.

“Giovani vistosamente giovani”

Quello che lui – come molti altri – probabilmente non sapeva o non accettava all’epoca: la pornografia con bambini, giovani, animali e violenza è vietata. Anche per i giovani. 245 giovani hanno commesso reati di questo tipo l’anno scorso, circa il 30% in più rispetto all’anno precedente. Si tratta del primo aumento dal 2019. L’Ufficio del Mediatore per i giovani non ha una spiegazione in merito. Patrick Killer, procuratore capo per i giovani della città di Zurigo, stima che il numero sia ancora più alto. “Sulla base di studi, riteniamo che il numero di casi non denunciati sia elevato”, afferma.

In due casi su tre, i giovani hanno inviato foto, video e adesivi pornografici, ad esempio attraverso le chat di classe o i social network. In un caso su sei, i giovani hanno creato immagini pornografiche di se stessi e talvolta le hanno anche inviate. “Con un’età media di 13,5 anni, i ragazzi sono sorprendentemente giovani”, afferma Killer. L’anno precedente, i giovani sorpresi con materiale pornografico illegale avevano in media quasi mezzo anno in più.

“La rete non dimentica

Mentre in passato erano soprattutto le ragazze a creare foto di nudo o pornografia di se stesse, per lo più su richiesta di uomini, ora sono i ragazzi in cinque casi su otto. “Forse in questo caso la prevenzione ha funzionato e si potrebbero raggiungere più ragazze”, afferma l’avvocato dei giovani. Tuttavia, ha detto, tutti i gruppi devono essere consapevoli di quanto sia “pericoloso” produrre materiale pornografico su se stessi.

“La rete non dimentica. Consigliamo ai giovani di non fare mai foto o video di nudo. Dovrebbero immaginare prima cosa significherebbe stare nudi a scuola. Perché spesso le registrazioni vengono messe a disposizione di molti”, dice Killer.

Il quattordicenne di cui si parlava all’inizio è stato obbligato dalla procura dei minori a frequentare un corso di un giorno sui media. Il diritto penale minorile si concentra sulla protezione e sull’educazione, affinché i giovani non commettano reati in futuro. “Di solito funziona abbastanza bene”, dice il procuratore dei minori.

Video di decapitazione sul cellulare

Il numero di denunce presentate contro i giovani per violenza, diffamazione, minacce e coercizione è leggermente diminuito rispetto all’anno precedente. 49 giovani del Cantone di Zurigo, con un’età media di 14,7 anni, hanno condiviso la violenza in rete nell’anno precedente o hanno prodotto loro stessi tali contenuti, ad esempio risse o aggressioni, che hanno filmato.

Uno di loro, un 13enne, ha ricevuto un video di un uomo che viene decapitato con un machete in una chat di gruppo su Whatsapp. La polizia ha scoperto il video sul suo smartphone. “Le rappresentazioni di violenza sono contenuti drastici che violano gravemente la dignità elementare di un essere umano”, afferma Killer.

L’ufficio del procuratore della gioventù ha ordinato al 13enne di svolgere un “servizio personale” per due giorni, ad esempio in un’istituzione sociale o in un esercizio pubblico. L’Ufficio dell’Ombudsman dei giovani di Zurigo vuole sensibilizzare i genitori dei giovani sui pericoli di Internet. Dovrebbero essere consapevoli del fatto che i bambini sono attivi online in età sempre più precoce, ed è quindi importante parlare loro presto del corretto consumo dei media e mostrare interesse per le loro attività online. “Dovrebbe essere parte dell’educazione non lasciare i bambini ai loro dispositivi su Internet”, afferma Killer.

Allo stesso tempo, i giovani dovrebbero essere incoraggiati a fermarsi un attimo prima di qualsiasi attività sul cellulare e a pensare alle possibili conseguenze. “Se non sono sicuri, è meglio contattare una persona fidata o un sito ufficiale in rete, come quello della Polizia cantonale di Zurigo o di altre agenzie ufficiali. Questi spiegano cosa i giovani possono fare e cosa non possono fare”, consiglia l’avvocato dei giovani.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

Il nostro non è un Paese per studenti

L’opinione, CORRIERE DEL TICINO, 11.04.2024, Caruso Roberto Caruso: «Di certo non saranno «solo» due giorni di scuola in meno a produrre sfaceli evolutivi per la

Aboliscono i voti degli esami

TAGES ANZEIGER, 10.04.2024, Fargahi Le critiche ai voti scolastici si fanno sempre più forti. Ora Lucerna è la prima grande città a eliminare i voti

Il disagio della lettura è in aumento

NZZ, 05.04.2024, Bossard Carl Bossard: “Abbiamo bisogno di un rinascimento della lettura, di un rinascimento dell’insegnamento della lettura, nella sua essenza del curriculum, con lezioni

I bisogni speciali esplodono negli asili nido

Ginevra scuola, LE TEMPS, 04.04.2024, Il numero crescente di bambini con esigenze speciali sta complicando il lavoro dei professionisti dell’infanzia, che lanciano l’allarme, in un

Torna in alto