In crescita tra i 15 e i 24 anni la sofferenza psicologica

Confederazione, LA REGIONE, 04.11.2023, 

La sofferenza psicologica è cresciuta in Svizzera nel 2022, soprattutto tra i giovani: è quanto emerge dall’indagine condotta ogni cinque anni dall’Ufficio federale di statistica (UST). 

La sofferenza psicologica è cresciuta in Svizzera nel 2022, soprattutto tra i giovani. È quanto emerge dall’indagine condotta ogni cinque anni dall’Ufficio federale di statistica (Ust) e pubblicata ieri. Lo studio rileva comunque che l’85% della popolazione di più di 15 anni si sentiva sano e l’83% felice. Più in dettaglio, nel quinquennio trascorso dall’ultimo sondaggio la quota di persone che provava una sofferenza a livelli medi o alti è passata dal 15 al 18%, precisa l’Ust, aggiungendo che il fenomeno toccava in particolare chi aveva tra i 15 e i 24 anni (22%), e soprattutto le donne, che per il 9% provavano un disagio a livelli alti e per il 20% medio. Nel 2022 il 18% delle giovani donne soffriva inoltre di disturbi d’ansia. L’indagine rivela poi, tra l’altro, che l’aumento di sovrappeso e obesità segna un rallentamento dal 2012. Inoltre: dal 1992 la quota di persone che mangiano carne ogni giorno si è più che dimezzata (dal 25 al 12%); quella di persone che non ne mangiano si è triplicata (dal 2 al 6%); la quota di fumatori è scesa in cinque anni dal 27 al 24%; idem quella delle persone che consumano quotidianamente alcol (uomini: dal 30 al 12%; donne: dall’11 al 5%); ma se tendenzialmente la popolazione beve alcol meno spesso, quando si presenta l’occasione ne beve complessivamente di più (l’11% delle donne e il 19% degli uomini si ubriacano almeno una volta al mese). 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

“Genitori, rilassatevi!”

NZZ Am Sonntag, 28.04.2024, Althaus La «NZZ am Sonntag» si occupa di genitorialità e di temi che polarizzano gli animi, discutendone con il pediatra Oskar

Parliamo di violenza nell’educazione

CONTRIBUTO DEGLI OSPITI, TAGES ANZEIGER, 26/04/2024.Serafina Schelker: “I genitori vogliono il meglio per i loro figli. Ma persistono idee obsolete sulla genitorialità che banalizzano i

Torna in alto