Le parole che insultano danneggiano i bambini.

NZZ, 09.10.2023, Angstmann

Secondo un nuovo studio, l’impatto delle parole offensive nell’educazione dei figli è sottovalutato.

“Sei inutile”, “Sei stupido”, “Non sai fare nulla di buono”. Due giovani su cinque si sono visti rivolgere tali insulti e accuse. Più della metà di loro si trova ad affrontarli settimanalmente, un bambino su dieci ogni giorno. Questo è quanto emerge da un’indagine condotta dall’associazione di beneficenza Words Matter nel Regno Unito. Sono stati intervistati 1000 adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni. Hanno sentito queste frasi da genitori, insegnanti o allenatori.

Ritiro dell’amore come punizione

In Svizzera il quadro è simile. In un sondaggio condotto dall’Università di Friburgo lo scorso anno, il 27% dei 1013 genitori intervistati ha dichiarato di aver talvolta “ferito il proprio figlio con le parole, rimproverandolo violentemente”. La tendenza è in calo: l’anno precedente era il 37%. Ma rispetto alle punizioni corporali, che sono diminuite del 13%, le punizioni verbali stanno diminuendo meno.

L’insulto e il ritiro verbale dell’affetto sono le punizioni psicologiche più utilizzate. Il 18% dei genitori a volte mostra o dice al figlio che non gli vuole più bene. Circa il 6% lo fa frequentemente. Il 16% ha già fatto credere al bambino di volerlo abbandonare. Il 12% ha dichiarato di averlo anche umiliato. Un decimo dei genitori ha anche rinchiuso il bambino per un periodo di tempo più lungo.

Gli autori concludono dai dati dell’indagine che un genitore su quattro ricorre con una certa regolarità alla violenza psicologica nel ruolo di genitore. Ciò riguarda soprattutto i bambini piccoli, di età compresa tra i quattro e i sei anni.

Ora, nella rivista “Child Abuse & Neglect”, gli scienziati invocano una ricerca più accurata sugli effetti delle punizioni verbali. Il problema è che la violenza emotiva comprende un ampio spettro di comportamenti. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui è scarsamente riconosciuta dai professionisti che lavorano con bambini con problemi comportamentali e di sviluppo, scrivono gli autori. La violenza verbale è quindi spesso un problema nascosto. Sono necessari una terminologia, definizioni e misure chiare per valutare l’incidenza e l’impatto della violenza verbale, in modo da poterla riconoscere e prevenire, scrivono gli autori.

Gli adulti spesso non sono consapevoli del fatto che le loro urla e le parole di critica come “stupido” e “pigro” possono avere un impatto negativo sui bambini, spiega al Guardian un coautore dello studio. Ciò accade soprattutto se gli adulti stessi sono stati educati in questo modo. Lui e gli altri autori illustrano le possibili conseguenze che sminuire, intimidire o mettere in imbarazzo possono avere sull’autostima. La costante sensazione di non essere amati o addirittura odiati porta il bambino a credere di non valere nulla. Alcuni bambini iniziano a ricorrere alla violenza. Inoltre, aumenta il rischio di sviluppare la depressione.

Prima è, peggio è

“In generale, si ipotizza quanto segue: Quanto prima le persone sono esposte alla violenza fisica, psicologica e quindi anche verbale, tanto più è dannosa per loro”, spiega Nora Raschle, assistente di psicologia per bambini e adolescenti all’Università di Zurigo. Questo perché tutte le decisioni successive nella vita si basano sulle esperienze fatte in precedenza. Da un punto di vista biologico, gli esseri umani continuano a maturare per molto tempo, il cervello fino a circa 22 anni.

Raschle spiega che sappiamo che una violenza psicologica molto intensa o prolungata nella prima infanzia può avere un effetto negativo sullo sviluppo. Se c’è uno stress intenso o prolungato all’inizio della vita di un bambino, la sua biologia può cambiare e si può innescare una reazione a catena nel suo sviluppo. Gli ormoni dello stress vengono quindi rilasciati nell’organismo. Livelli eccessivi o prolungati possono diventare cronici nelle persone colpite. Queste persone si trovano in uno stato permanente di allerta e agitazione. La loro percezione dell’ambiente può trasformarsi in una visione negativa del mondo, oppure possono sviluppare ansia costante e dubbi su se stessi.

Quando i genitori dicono al bambino che non gli vogliono più bene, il legame tra genitore e figlio viene disturbato, come spiega Raschle. Se la struttura del legame viene violata precocemente, ciò può avere conseguenze formative. I bambini devono poter contare sui genitori. Inoltre, i bambini devono poter sbagliare. “Nella maturazione biologica, l’infanzia può essere vista come le fondamenta di un edificio a torre. Anche se manca una trave, questa rimane in piedi. Ma se ne mancano sempre di più, soprattutto i sostegni nella parte inferiore della torre, a un certo punto può crollare”, afferma Raschle.

Secondo Raschle, le avversità precoci nella vita di un bambino possono causare ritardi nello sviluppo. Queste persone hanno anche un rischio maggiore di sviluppare problemi di salute mentale o addirittura malattie cardiovascolari in seguito, aggiunge.

La violenza verbale può avere conseguenze sia interiorizzanti che esteriorizzanti. Secondo un nuovo studio condotto in Gran Bretagna, i giovani che sono stati esposti alla violenza verbale aumentano il rischio che un giorno si facciano del male, assumano droghe o vadano in prigione.

Situazioni in cui i genitori perdono la calma e dicono qualcosa di cui poi si pentono, possono capitare e non lasciano ancora alcun danno duraturo sul bambino. L’importante è che i genitori ammettano il loro errore, dice Raschle. Se un adulto può ammettere gli errori, anche il bambino avrà il coraggio di farlo. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

Il nostro non è un Paese per studenti

L’opinione, CORRIERE DEL TICINO, 11.04.2024, Caruso Roberto Caruso: «Di certo non saranno «solo» due giorni di scuola in meno a produrre sfaceli evolutivi per la

Aboliscono i voti degli esami

TAGES ANZEIGER, 10.04.2024, Fargahi Le critiche ai voti scolastici si fanno sempre più forti. Ora Lucerna è la prima grande città a eliminare i voti

Il disagio della lettura è in aumento

NZZ, 05.04.2024, Bossard Carl Bossard: “Abbiamo bisogno di un rinascimento della lettura, di un rinascimento dell’insegnamento della lettura, nella sua essenza del curriculum, con lezioni

I bisogni speciali esplodono negli asili nido

Ginevra scuola, LE TEMPS, 04.04.2024, Il numero crescente di bambini con esigenze speciali sta complicando il lavoro dei professionisti dell’infanzia, che lanciano l’allarme, in un

Torna in alto