Microchip, localizzatori GPS: bambini sotto stretta sorveglianza

LE TEMPS, 05.05.2023, GAITZSCH Sophie

Sempre più genitori dotano i loro figli di strumenti connessi che permettono di sapere dove si trovano. Questo è un ulteriore colpo all’autonomia dei giovani negli spazi pubblici, che è andata costantemente diminuendo negli ultimi decenni.

Da un anno Rachel lascia che sua figlia di 11 anni vada a scuola da sola, un tragitto di cinque minuti in una zona residenziale alla periferia di Ginevra. Da sola, ma con un orologio connesso. “Mi manda un messaggio quando arriva. Se necessario, possiamo chiamarci. Mi fa sentire meglio, e anche lei. L’orologio ha anche un’opzione di geolocalizzazione che permette alla madre di sapere dove si trova la figlia. “Non la seguo sempre, per niente. Mi fido di lei. Ma visto che esiste questa possibilità, mi dico perché no. Può essere utile in certe situazioni estreme”, continua la 43enne ginevrina, che ammette di essere stata a lungo perseguitata dalla paura di un rapimento.

Rachel non è un caso isolato. Nella sua cerchia, dice, è “qualcosa che i genitori hanno attivato”. Smartphone con app di localizzazione, orologi, segnalatori GPS da attaccare agli zaini: gli strumenti a disposizione sono sempre più numerosi. Negli Stati Uniti, uno studio del Pew Research Center del 2018 riportava già che il 16% dei genitori ha geotaggato i propri figli di età compresa tra i 13 e i 17 anni tramite il telefono.

 Anche sugli autobus scolastici

Quanto è diffuso oggi il fenomeno in Svizzera? È difficile avere un quadro preciso. Digitec Galaxus, il primo rivenditore online del Paese, riferisce che le vendite di orologi connessi per bambini cresceranno del 312% nel 2020 rispetto all’anno precedente (un forte aumento che coincide con l’arrivo di nuovi prodotti sul mercato) e dell’85% nel 2021. Ma la tendenza non si è confermata nel 2022, con un calo del 14%.

Sul fronte della ricerca, Zoé Moody, docente presso la Haute Ecole pédagogique du Valais e ricercatrice presso il Centre interfacultaire en droits de l’enfant dell’Università di Ginevra, coautrice di un recente libro sul percorso scolastico, osserva che la geolocalizzazione sta ora assumendo un ruolo centrale. “All’epoca del lavoro sul campo che abbiamo svolto nel 2018-2019, questa dimensione del percorso verso la scuola non era ancora stata messa in discussione”.

E i genitori non sono gli unici a utilizzarla. All’inizio dello scorso anno scolastico, a settembre, il comune di Bourg-en-Lavaux ha scelto di dotare 60 alunni di 1H e 2H (dai 4 ai 6 anni) di chip di localizzazione. Il dispositivo si attiva quando il bambino entra nello scuolabus e permette quindi di vedere se è salito e sceso. Nella Svizzera tedesca, la città di Kriens ha dotato 160 scolari di prima elementare di localizzatori GPS per mappare i loro percorsi e identificare le “aree a rischio” che frequentano.

“Affrontare il serbatoio delle paure”

Ciò che caratterizza questa pratica è “l’eterogeneità del pubblico, anche se è più comune negli ambienti più privilegiati, che esercitano un controllo più preciso e sottile sulle attività dei bambini”, spiega Yann Bruna, master di docente di sociologia all’Università di Parigi-Nanterre, che ha pubblicato un articolo sulla sorveglianza parentale e la geolocalizzazione degli adolescenti sulla rivista scientifica Tic & Société nel 2022. Anche le famiglie che vivono nelle aree urbane sono più preoccupate.

Per quanto riguarda le ragioni addotte, non è la curiosità, ma la sicurezza ad essere al primo posto. La geolocalizzazione viene utilizzata per curare le paure dei genitori riguardo allo spazio urbano e alle sue incertezze”, continua Yann Bruna. Sono ben consapevoli che non impedisce che si verifichi un incidente, ma sottolineano che se succede qualcosa, sanno dove sono i loro figli. Nel nostro studio, una madre, riferendosi agli attentati di Nizza, ad esempio, ha ritenuto irresponsabile non utilizzare queste informazioni aggiuntive”.

 Da 10 chilometri di distanza

Il fenomeno fa parte di una tendenza più ampia e di lunga data che vede i bambini perdere la loro autonomia nello spazio pubblico. Nel 2007, uno studio britannico sull’evoluzione degli spostamenti all’interno di una famiglia della città di Sheffield ha illustrato questo fenomeno in modo molto eloquente. Mentre nel 1919 il bisnonno, all’epoca di 8 anni, poteva camminare da solo per quasi 10 km per andare a pescare, il pronipote, alla stessa età, poteva andare solo fino alla fine della strada. Nel suo lavoro sulla Svizzera, Zoé Moody osserva anche una riduzione delle possibilità di movimento e del tempo a disposizione per passeggiare all’aperto al ritorno da scuola. Le strade non sono più pericolose che in passato, il rischio di rapimento non è più alto, ma la rapida copertura mediatica di casi tragici aumenta l’ansia delle famiglie e le spinge a controllare maggiormente i propri figli. “E con la geolocalizzazione, dicendo al figlio ‘so sempre dove sei’, continuiamo a rafforzare questa sorveglianza”.

Perché è proprio di una maggiore sorveglianza che stiamo parlando. Yann Bruna non crede all’argomentazione che presenta questi nuovi dispositivi come strumenti che permettono a genitori rassicurati di dare ai propri figli una libertà che altrimenti non avrebbero. “La sorveglianza digitale viene venduta da alcuni genitori come una garanzia di maggiore mobilità. Ma le testimonianze che abbiamo raccolto dimostrano che non è così. Non c’è alcun aumento della mobilità giovanile.

Che spazio c’è per il discorso degli adolescenti?

Oltre all’impatto sui viaggi, questa pratica solleva questioni etiche. “I bambini hanno diritto a una certa privacy”, afferma Zoé Moody, citando la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, ratificata dalla Svizzera nel 1997. “A quali condizioni è possibile garantire questi requisiti utilizzando la geolocalizzazione? I bambini interessati hanno il diritto di uscire senza? C’è ovviamente una dimensione evolutiva che dipende dall’età. Come cambiano le regole all’interno delle famiglie man mano che i bambini crescono e sviluppano nuove capacità ed esigenze?

Oggi la geolocalizzazione dà tranquillità alla figlia undicenne di Rachel. Ma forse non per molto tempo ancora. Tra gli adolescenti incontrati da Yann Bruna, alcuni hanno certamente interiorizzato l’argomento della sicurezza e si sentono a proprio agio con questa modalità operativa. Altri, più numerosi, sono molto critici. Vedono l’uso della geolocalizzazione come una mancanza di fiducia e una violazione del loro diritto alla privacy. Una ragazza lo vede addirittura come un “fallimento dei genitori”. Affidandoci alla geolocalizzazione, corriamo il rischio di non ascoltare più quello che dicono gli adolescenti”, teme Yann Bruna. Come dimostra il caso di una famiglia intervistata nel suo studio, questo può portare a un profondo cambiamento nella fiducia reciproca tra genitori e figli.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

“Genitori, rilassatevi!”

NZZ Am Sonntag, 28.04.2024, Althaus La «NZZ am Sonntag» si occupa di genitorialità e di temi che polarizzano gli animi, discutendone con il pediatra Oskar

Parliamo di violenza nell’educazione

CONTRIBUTO DEGLI OSPITI, TAGES ANZEIGER, 26/04/2024.Serafina Schelker: “I genitori vogliono il meglio per i loro figli. Ma persistono idee obsolete sulla genitorialità che banalizzano i

Torna in alto