“Noi genitori abbiamo un potere incredibile”

SOCIETÀ, TAGES ANZEIGER, 22.06.2023, Britzelmeier

“Molti genitori non sono cattivi, sono troppo buoni”: la psicoterapeuta e autrice di bestseller britannica Philippa Perry sul più grande errore di madri e padri.

Signora Perry, il suo bestseller si intitola “Il libro che vorresti che i tuoi genitori avessero letto”. Qual è l’errore più grande che commettono i genitori?

I genitori vogliono che i figli siano sempre felici. Per questo non permettono ai figli di arrabbiarsi o di essere tristi. Questi bambini crescono credendo che la tristezza o la rabbia siano un male e da adulti non sanno come gestire questi sentimenti. Questo può portare a una serie di problemi psicologici. Nel mio lavoro di terapeuta, ho visto tante persone che avevano genitori molto ben intenzionati. Molti genitori non sono cattivi, ma troppo buoni.

Che cosa è seguito per lei a questa consapevolezza?

Come madre, non volevo assolutamente ripetere questa situazione. A mia figlia dovrebbe essere permesso di provare tutti i sentimenti. Non ho mai detto “Shh” quando piangeva.

Che cosa diceva?

“Oh cara, poverina” o “Sei molto arrabbiata perché non ti danno il gelato prima di pranzo”. Si mettono in parole i loro sentimenti prima che i bambini possano farlo da soli. Con il risultato che a un certo punto mia figlia ha detto: “Adesso mi arrabbio tantissimo!”. Invece di fare i capricci. Delizioso.

I bambini piccoli non hanno solo bisogno di essere vestiti, nutriti e messi a letto, ma anche di essere seguiti nei loro sentimenti. Come se nutrirli e cambiarli non fosse già abbastanza impegnativo di per sé.

Ma rispettare i loro sentimenti rende il resto molto più facile! Perché è più facile prendersi cura di un bambino felice. Si spende tempo per risparmiare tempo dopo.

Che cosa vuol dire?

Diciamo che lavorate da casa e il vostro bambino è lì. Ma dovete scrivere delle e-mail. Probabilmente direte: appena ho finito, gioco con te. Il bambino si sentirà rifiutato e chiederà in continuazione: hai già finito? E voi non riuscirete mai a concludere nulla. Ma cosa può essere d’aiuto: spingere la macchinina sul tappeto finché il bambino non si sente al sicuro. Poiché probabilmente non siete bravi a giocare, il bambino prenderà il sopravvento. E voi potete andare rapidamente alla scrivania a sbrigare le vostre e-mail.

Lei scrive che la cosa più importante dell’essere genitore è il rapporto con il bambino.

Dovete cercare di capire il vostro bambino come una persona a sé stante, non come un’estensione di voi. E non come un compito da svolgere. Questo si può fare solo attraverso la comunicazione. In realtà, questo avviene già intuitivamente con i neonati: Si tira fuori la lingua, si ride, il bambino reagisce – questo dare e avere dovrebbe essere sempre mantenuto. Quando si cambia il pannolino, per esempio. Invece di afferrare semplicemente il bambino, si dovrebbe annunciare: Ora ti cambio il pannolino. Spesso i genitori pensano di dover dare istruzioni e che i bambini debbano obbedire, andare a letto, alzarsi, fare questo, fare quello! Ma questo costringe i bambini al ruolo di colui con cui si fa qualcosa, e loro si oppongono. Allora non sono una bella compagnia.

Alcuni genitori temono che troppe attenzioni possano essere dannose.

Come se l’attenzione non fosse importante! Tutti abbiamo bisogno di attenzione, soprattutto i bambini. Se non la ricevono, sono dei veri rompiscatole. Ma se si parla loro di ciò che accade, si sentono inclusi.

Una comunicazione così intensiva sembra una buona cosa, ma con diversi figli è anche piuttosto irrealistica.

Anche se una persona ha sei figli, è importante avere sei relazioni individuali con questi bambini. Come si comporta un bambino, cosa aiuta l’altro? La comunicazione è tempo ben speso.

Oggi i genitori hanno a disposizione un’enorme quantità di conoscenze. Non possono più dire che non ne sapevano nulla. Questo aumenta enormemente la pressione.

I genitori non dovrebbero rendersi le cose così difficili. Tutti commetteranno degli errori. Ma possono chiedere scusa. E questo fa una grande differenza. I miei genitori non si sono mai scusati con me, avevano sempre ragione.

I genitori non fanno pressione solo su se stessi. Fanno pressione anche sugli altri genitori.

I genitori si sono sempre giudicati a vicenda. Sono più soddisfatti dei loro metodi genitoriali se possono trovare difetti negli altri.

Questo varia effettivamente da Paese a Paese?

Penso che sia universale. Ci sono due tipi di genitori: quelli che assecondano e quelli che dettano le regole. Alcuni seguono i capricci e le esigenze del bambino, altri stabiliscono delle routine fisse. Questi ultimi poi dicono: hai assolutamente bisogno di orari fissi per i pasti e per la nanna! E gli altri: Devi mangiare quando hai fame, non quando lo dice l’orologio. Un tipo guarda l’altro ed è sicuro che stia facendo qualcosa di sbagliato.

Sembra che lei stessa sia una madre che si lascia coinvolgere.

Certo, se si ha un solo figlio, anche questo è molto più facile. Ma alla fine ognuno dovrebbe fare ciò che è meglio per sé. E soprattutto, le madri che si lasciano andare e quelle che si danno delle regole dovrebbero smettere di giudicarsi a vicenda.

Come si esce da questa competizione?

Immaginate di essere l’altra persona. Quando scrivevo, immaginavo genitori stressati che leggevano il mio libro, o una donna incinta che aveva paura, o qualcuno i cui figli avevano già 20 anni e che pensava di aver sbagliato tutto. Ma non è mai troppo tardi. Mia zia ha quasi 100 anni, l’altro giorno l’ho vista lodare suo figlio di 75 anni e ciò che significa per lui. Noi genitori abbiamo un potere incredibile. Siamo le persone più importanti nella vita dei nostri figli. Se siamo orgogliosi dei nostri figli, dobbiamo dirlo, indipendentemente dalla loro età.

Sottolinea l’importanza dell’attenzione e della considerazione. Questo significa che non dovrei porre dei limiti a mio figlio?

Mostrare rispetto ai bambini non significa non porre limiti. Ma dovreste esprimere i limiti come messaggi “io”. Se volete tornare a casa dal parco giochi perché non ne avete più voglia, ditelo sinceramente! Non fatene una questione di bambini. Se vi appellate sempre al presunto benessere dei bambini, li fate impazzire. Quindi non dite: “Devi avere fame, è ora di pranzo”. Dite invece: “Ho freddo, sono stanco, torniamo tra cinque minuti”.

Sembra così egoista.

Certo che lo è. Ma noi siamo egoisti. Non facciamo finta di non esserlo, perché questo fa di noi i buoni e del bambino il cattivo. Ci sono poche cose più importanti dell’essere onesti con i bambini.

Tuttavia, secondo lei, è giusto che i bambini mentano.

Mentire è un superpotere! Se si mente, si crea una realtà parallela. Se si rimprovera il bambino per aver mentito, non fa altro che migliorare la sua capacità di mentire.

Ma allora come fa un bambino a imparare a essere onesto?

Attraverso i modelli di riferimento. I bambini vi sentono al telefono dire qualcosa come: “Mi piacerebbe venire alla tua festa, ma purtroppo abbiamo già dei programmi!”. È così che i bambini imparano a mentire. Ma se invece dite: “È molto bello e mi fa molto piacere, grazie per avermi invitato, ma non me la sento”, allora i bambini imparano che si può essere onesti.

Qual è stato il suo più grande errore come madre?

 Ho sempre lodato mia figlia perché era brava in matematica. Ma non avrei dovuto lodare i risultati, bensì i suoi sforzi. Perché quando all’università tutti erano bravi in matematica, lei doveva lavorare sodo per tenere il passo.

Le lodi sono un argomento molto sentito dai genitori al giorno d’oggi.

Sì, mi è sfuggito all’epoca. Ora so che si dovrebbe dire: “Oh, ti sei impegnata, che bello!”. Beh… Si è diplomata. Ben fatto, direi.

E cosa si fa quando i bambini sbagliano?

 Se li costringete a chiedere scusa, li umiliate. I bambini imparano il vero pentimento dai modelli di riferimento. Se invece i genitori mostrano sempre che gli errori sono un male e loro stessi non sbagliano mai, tutto ciò che viene fuori è un politico terribile.

Lei paragona il giudizio e la punizione dei genitori a un regime draconiano che non produce cittadini morali. L’educazione è quindi profondamente politica?

Assolutamente sì. Le relazioni che abbiamo con i nostri figli creano la società. Quando si educano le persone con considerazione e rispetto, queste imparano a essere rispettose. Se imparassimo ad accettare il punto di vista dei nostri figli, il nostro mondo sarebbe un posto migliore.

Cosa hanno detto i suoi genitori del suo libro?

I miei genitori sono entrambi morti, non hanno mai visto il libro. Probabilmente è una buona cosa.

Philippa Perry:  “Il libro che vorresti fosse stato letto dai tuoi genitori”

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

«Una politica sempre più iniqua»

Cantone, CORRIERE DEL TICINO, 28.05.2024, Salvini Dodici associazioni attive tra le famiglie hanno deciso di far sentire la propria voce contro i tagli al personale

Assemblea primaverile 2024

Giovedì 21 marzo 2024 – inizio ore 19:15
DFA-SUPSI Locarno – Piazza San Francesco,16 – Aula B005 Stabile B.

Possibilità di partecipare anche ONLINE via ZOOM.

Torna in alto