Sì al potenziamento del tedesco? ma non così!

L’opinione, LA REGIONE, 11.03.2023, Franscella 

Claudio Franscella: «Sono favorevole a un potenziamento dello studio di una lingua seconda – ma l’anticipo del tedesco in prima media, così come proposto dal rapporto di maggioranza della Commissione formazione e cultura, mi lascia alquanto perplesso». 

Sono favorevole a un potenziamento dello studio di una lingua seconda, ma l’anticipo del tedesco in prima media – così come proposto dal rapporto di maggioranza della Commissione formazione e cultura – mi lascia alquanto perplesso. 

In prima media i ragazzi si ritrovano infatti confrontati con una nuova realtà scolastica, molto impegnativa e con grandi cambiamenti anche a livello organizzativo. È quindi difficile pensare di aumentare ancora le ore di insegnamento in una griglia oraria già di per sé sovraccarica, soprattutto in questa delicata fascia d’età. Fare poi spazio a qualche ora di tedesco in prima media, come qualcuno prospetta, sacrificando delle ore di matematica e, soprattutto, di italiano è improponibile. Infatti è proprio nel primo biennio che è importante consolidare le conoscenze della prima lingua, anche perché la buona padronanza dell’italiano è un presupposto importante per un futuro buon apprendimento delle lingue seconde. 

Per questo, a mio avviso, è decisamente più ragionevole tentare di migliorare e rafforzare l’apprendimento del tedesco nel secondo biennio di quest’ordine di scuola, soprattutto nell’ambito delle opzioni. 

In questa fascia d’età (13/14 anni) l’allievo è più maturo e preparato, conosce meglio i propri orientamenti scolastici ed è più motivato nelle sue scelte. Sono poi convinto che si potrebbe rafforzare l’insegnamento di quest’importante lingua senza intaccare troppo i programmi scolastici, la griglia oraria e senza stravolgere il nuovo Piano di studio che va già nella direzione di un potenziamento del plurilinguismo e dell’interculturalità. 

E questo lo si può fare lavorando su piste alternative. 

Basterebbe, ad esempio, potenziare gli scambi linguistici di intere classi, rafforzare i corsi di recupero in tedesco, offrire dei doposcuola in lingua seconda, consolidare maggiormente – nell’ambito delle opzioni – questa materia e proporre dei corsi full immersion durante l’estate. 

Per questo sosterrò con convinzione il rapporto di minoranza che mira davvero, grazie alle piste alternative sopraelencate, a un interessante miglioramento per gli allievi ticinesi senza compromettere l’intero percorso di scuola media. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

Un fronte già compatto contro i prossimi tagli

CANTONE, LA REGIONE, 19.06.2024, Manna, Agosta Cresce l’adesione all’appello del mondo sociale: a sostegno anche molti comitati dei genitori di studenti delle Medie – Pierfranco Longo:

«Più esigenze e meno risorse»

Cantone, CORRIERE DEL TICINO, 12.06.2024, Salvini Le sempre più numerose situazioni di difficoltà dei giovani e il bisogno di una scuola più inclusiva sono stati

Quattro mura e un calcio di pistola

L’opinione, LA REGIONE, 11.06.2024, Soldini Tommaso Soldini: «La corsa alla relativizzazione dei fatti, a cui si è assistito già da lunedì sera, è probabilmente un

Torna in alto