Una partita in cui tutti vanno coinvolti

L’editoriale, CORRIERE DEL TICINO, 15.02.2023, Gianinazzi 

Paolo Gianinazzi: «Il Gran Consiglio ha fatto un concreto passo avanti verso il superamento dei livelli. Un cambiamento auspicato da buona parte della società, con genitori e allievi in prima fila». 

Il Gran Consiglio ha fatto un concreto passo avanti verso il superamento dei livelli. Un cambiamento auspicato da buona parte della società, con genitori e allievi in prima fila. Il DECS, e quindi Manuele Bertoli, dopo anni di discussioni interne ed esterne, è riuscito a portare a casa (con il voto favorevole di PS, Lega, Centro, Verdi, Più Donne e PC) un dossier a cui lavorava da tempo. A questo punto, però, è bene tenere comunque i piedi ben saldi a terra. Va evidenziato che il voto di ieri rappresenta solo un primo passo, seppur concreto, di un cambiamento tutt’altro che facile da gestire. Il Parlamento ha detto sì alla sperimentazione, non all’abolizione definitiva di questo sistema. Si è trattato di un «nullaosta» per procedere in questa direzione, non di un voto vincolante o dell’ultimo capitolo di questa vicenda. Il ricordo del progetto «La scuola che verrà» insegna che è meglio attendere prima di cantar vittoria. Ad ogni modo, l’immobilismo è stato evitato e la vera partita può iniziare. Essa, però, si giocherà nei prossimi tre anni, quando la sperimentazione avrà luogo e quando andrà scelto il modello da implementare. Un periodo in cui è auspicabile che la politica trovi una maggioranza ancor più solida di quella mostrata ieri in Parlamento. Alla costruzione del modello definitivo è bene partecipino tutti, inclusi i partiti che ieri hanno bocciato la proposta (PLR e UDC) e tutte le componenti della scuola che, per un motivo o per l’altro, sono contrarie al superamento dei livelli. 

Anche perché restano molte incognite da chiarire, attorno alle quali costruire una solida maggioranza. Una su tutti: dove e come andrà posta l’asticella per l’accesso alle superiori? Una scelta non scontata. Insomma, ieri è iniziato un percorso il cui finale è però ancora tutto da scrivere. E anche per questo motivo, il DECS (e chiunque lo erediterà dopo le elezioni) dovrà evitare di lavorare a testa bassa alla costruzione di questo modello. Solo coinvolgendo favorevoli e contrari, scettici e indecisi, si potrà costruire un modello che reggerà al voto in Parlamento (quello sì, definitivo) e all’eventuale prova delle urne. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Ultimi articoli

Assemblea autunnale CCG 2023

mercoledì 22 novembre 2023 – inizio ore 19:15
USI Lugano – Campus Ovest Via Buffi 13 – Aula 22 Palazzo Rosso
Possibilità di partecipazione anche ONLINE via ZOOM.

Ragazzi che non vanno a scuola

AZIONE / 22.01.2024 Fabio Dozio L’assenteismo scolastico è una costante, vi sono modalità e cause diverse, dal disagio psicologico al rifiuto totale, ma per contrastarlo

Dobbiamo promuovere la lettura in tutta la Svizzera

CONTRIBUTO DEGLI OSPITI, TAGES ANZEIGER, 19.01.2024, Bucher Priska Bucher: “È necessaria una strategia nazionale per migliorare le capacità di lettura”. Dopo la pubblicazione dell’ultimo studio

“I testi digitali scorrono più velocemente”

CULTURA, GIORNALE DOMENICALE, 14.01.2024, Hordych  La lettura digitale favorisce una comprensione superficiale del testo? La professoressa Sabine Anselm ci spiega quando la lettura digitale ha

Torna in alto